sabato 8 settembre 2012

addio al pannolino, tre mesi ..






A distanza di un po' di tempo dall'inizio di questa avventura siamo arrivati a un buon punto: ultimamente chiama lei quando le scappa e la tiene abbastanza a lungo da raggiungere il vasino. Si risveglia asciutta dal sonnellino pomeridiano, e in generale fa la pipì meno spesso di prima e ne fa quantità maggiori alla volta.


In tutta la settimana abbiamo avuto solo qualche incidente con la pipì, in situazioni in cui era molto presa a giocare o in momenti in cui non stava molto bene, ed io comunque continuo a ricordarle ogni tanto della possibilità di andare sul vasino.


Posso dire quindi di avere osservato tre fasi:
  • prendere coscienza, ovvero, farsela addosso
  • iniziare ad esercitare il controllo degli sfinteri
  • gestione del tutto (giochi, passioni, momenti di pianto o distrazioni varie, etc) e, nel frattempo, controllo degli sfinteri
La più importante è, direi, la prima: da quella sensazione di bagnato ed anche dalla relazione fra lei e me in quei momenti, credo sia nata la volontà di imparare a gestire gli sfinteri.

All'inizio ero priva di aspettative, poteva farla praticamente dove voleva, ho raccolto un sacco di pipì e non è mai stato un problema, anzi, ogni volta era una festa, perché finalmente vedevamo ciò che sempre era stato "nascosto" dal pannolino: ogni volta era un'occasione per sottolinearci il processo, per dare un nome a ciò che accadeva al suo corpo ed iniziare a riconoscere e a collegare la sua sensazione interiore all'effetto esteriore.

Poi, man mano che ho visto crescere la sua abilità, ho anche iniziato ad aspettarmi di più e quindi a manifestare dispiacere se la faceva sul letto, sul divano o a qualche metro dal vasino, senza mai criticarla o biasimarla, senza mai esprimere rabbia, ma cercando di trasmetterle il mio desiderio che ciò non accadesse e di rilanciare il proposito per la volta dopo.

Credo che anche questo sia stato importante per lei nell'acquisizione di questa nuova funzione che, oltre ad essere il suo personalissimo passaggio dal prendere al donare, è anche un'abilità sociale, che la inserisce nel mondo in modo nuovo.

A questo punto dobbiamo solo affinare la capacità ed andare avanti... no so dire quanto ci vorrà per poter considerare consolidata questa nuova funzione, ma so che è bello viversi con il proprio figlio questo momento di crescita e provarci insieme.

Nessun commento:

Posta un commento

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...