domenica 28 ottobre 2012

libro: "il bambino è competente" di Jesper Juul




Ciò che mi ha colpito maggiormente di questo libro è un concetto chiave, che da mesi continua a tornarmi alla mente e ad essere per me motivo di riflessione, di osservazione e di auto-critica.

Nel testo Jesper Juul sottolinea la differenza fra autostima e fiducia in se stessi
Rappresenta l'autostima come una colonna interiore, che ci struttura e ci sostiene (in ogni prova, esperienza o avversità che la vita ci offre) e la fiducia in se stessi come misura di ciò che crediamo d'essere in grado di fare, e che viene dal  riscontro esteriore a conferma delle nostre capacità (quei tanti bravo che regaliamo ai nostri cuccioli, a volte con un po' di superficialità per gratificarli e gratificarci).

Se ci manca l'autostima al primo fallimento ricevuto (con il relativo crollo della fiducia) tutto il nostro essere subisce un dolore, mentre se la nostra autostima è forte anche se falliamo in qualche impresa possiamo imparare dall'errore e rilanciare per le nostre azioni future.

Come si nutre l'autosima? 
Con il rispetto per i nostri figli, con l'empatia, con l'ascolto, con l'amore.

In questo libro viene sottolineato spesso che il bambino è collaborativo, e possiamo vederlo nella vita di ogni giorno: i nostri figli ci osservano, ci imitano, siamo i loro primi modelli, siamo tutto ciò che vorrebbero essere ed abbiamo nei loro confronti una grandissima responsabilità.
La responsabilità di essere per loro un sole che li illumina e li guida, ma anche la responsabilità di accoglierli, di orientarli senza sovrapporci a loro, senza limitarli, senza ferirli, avendo cura di rispettare la loro integrità.
Integrità che è proprio quella sensazione, quel sentimento che nutre l'autostima e a cui loro sono pronti a rinunciare per essere collaborativi.

Altro passaggio chiave è, proprio nell'idea di prenderci la nostra responsabilità, di usare con loro "io voglio che" o "io non voglio che" al posto del "non si fa", che tanto sa di assolutismo ma che alla fine non è altro che il nostro soggettivo punto di vista.

"Il bambino è competente" è un libro ricco di spunti, di idee, di esempi, utili a comprendere un po' meglio il nostro ruolo di genitori ed anche l'universo interiore dei nostri figli.

2 commenti:

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...