mercoledì 9 gennaio 2013

mettere ordine e dirsi bene le cose


Grazie ai corsi di Patrizio Paoletti ho imparato - o meglio, sto imparando ogni giorno - a dirmi bene le cose e a cercare di trarre vantaggio dalle condizioni della vita quotidiana, e durante questa vacanza sulle Dolomiti ho potuto sperimentare l'effetto magico che questa semplice pratica quotidiana può avere anche sui bambini.

Dopo due o tre giorni di montagne innevate, pupazzi di neve, slittate, funivie, passeggiate e pranzi nei rifugi mi sono accorta che la quantità di cose che facevamo ogni giorno era davvero immensa per la Fagottona e che la sera arrivava al momento di dormire carica di impressioni nuove, molto eccitata e anche un po' spaesata dal continuo mutare dei riferimenti.
Inoltre eravamo in una casa affittata con amici (6 adulti e 2 bambini) quindi le relazioni erano davvero costanti e le sollecitazioni infinite: giorno e notte arrivavano suggestioni nuove per lei, esperienze piccole e grandi, molto variegate!

[A proposito, vi siete accorti di come il tempo si dilata nella condivisione? Sembra che la vita sia molto più ricca, molto più densa, molto più "nuova" quando sei insieme a qualcuno.]


Ritrovare un rituale della nanna non era semplice e raccontarle una storia (una, due, tre, dieci volte!) non bastava più a rilassarla... era come se fosse "tutta fuori", ancora pronta a ricevere nuove sollecitazioni, a restare sempre in moto ed a ricaricarsi costantemente; ma si sa, il riposo è necessario e quindi mi sono ricordata di una pratica semplice, che io stessa facevo spesso da bambina (ero già un po' più grande di nostra figlia): ripercorrere la giornata, dirsi bene le cose, mettere ordine negli avvenimenti che ci avevano nutrito così tanto.

Mentre la mettevo a nanna ho iniziato a parlarle di lei, di ciò che avevamo vissuto, e lei ne è stata felicissima ed ogni sera me lo chiedeva ancora e poi ancora ("di te, di te").
Insomma, è stata una pratica davvero bella, che vogliamo continuare ad usare anche qui a casa.

Tra l'altro mi sono accorta che così facendo lei può - interagendo - manifestare cosa le è rimasto dentro, esprimere la gioia o la preoccupazione per qualcosa che le è successo, mettere a nudo i suoi sentimenti e così (piano piano) imparare a contenerli e (quando ce né bisogno) a trasformarli.

1 commento:

  1. Grazie Isabella per la condivisione:)

    Dirsi bene le cose, mettere ordine dentro di sè prima di addormentarsi è una pratica efficaceanche per noi adulti, io la pratico da molti anni ed ha cambiato totalmente la qualità del mio riposo notturno. Consiglio alle mamme di tenere vicino al letto dei propri bimbi il fiore della Passiflora Incarnata perchè favorisce il riposo notturno ed il rilassamento.
    Un abbraccio da Laura

    RispondiElimina

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...