giovedì 13 giugno 2013

gioco sul concetto di uguaglianza


Vi avevo già parlato della nostra passione per gli animali della Schleich, con i quali (ispirata dal libro di Grazia Honneger Fresco "Un nido per amico"), da molto tempo volevo proporre a LuciaEva un gioco sul concetto di uguaglianza.
Per fare ciò avevo provato a scattare delle fotografie dei vari soggetti su sfondo neutro, ma visto il risultato mediocre avevo abbandonato il progetto. Oggi peró ho trovato questa bellissima proposta della DJECO: si chiamano "Falshcards" e non sono altro che carte tematiche, che rappresentano varie categorie e con cui è possibile proporre vari giochi di osservazione ed associazione.

Vero l'età di un anno nel bambino inizia a crescere progressivamente l'interesse per i vocaboli, ed anche se ancora non sa nominare ciò che vede risulta sempre più evidente il suo interesse per il mondo che lo circonda: punta in dito indice verso ciò che lo attrae.
E importante quindi proporre al bambino sempre più materiali figurativi come aiuto al linguaggio, fatti di immagini grandi e nitide degli oggetti a lui familiari.

Presto il bambino inizierà a cercare di avvicinare cose uguali e questo è il segnale che la sua mente sta compiendo un passo importante verso l'acquisizione del concetto di uguaglianza.



Quindi oggi finalmente (un po' in ritardo sui tempi) ho potuto presentare questo gioco alla nostra Fagottona: ho preso un vassoio basso che è diviso in due, ed ho messo da un lato le immagini degli animali e dall'altro lato gli animali di plastica (fino ai 3 anni circa potete presentare coppie di 6 immagini alla volta, successivamente anche 12).

Tutto il resto l'ha fatto lei, perché si sa i bambini la sanno lunga!

7 commenti:

  1. Bel gioco, bella idea ;)
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, cose semplici ma efficaci!!!
      Certo, se glielo avessi fatto prima sarebbe stato meglio ;)

      Elimina
  2. Beh imparano molto in fretta, a volte sono in grado di stupirci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ed il potersi stupire credo sia uno dei doni più belli della vita.

      Elimina
  3. L'ho sempre detto che i nanetti vivono di nomenclatura! Yuk! Noi facevamo quel gioco con gli stessi animali ( per cui condividiamo la passione) e le figurine degli animali doppie. Queste peró sono bellissime (come la grafica di tutte le cose che fanno)...
    Paola

    RispondiElimina

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...