martedì 24 settembre 2013

gli incastri Montessori

                              

Ed è fatto! Si, il mio primo acquisto di materiali Montesssori è stato fatto... evviva!!!

E, fra le altre poche [visto l'investimento!] cose che sono riuscita a prendere, non ho potuto resistere al fascino degli incastri, che fin da subito mi sono parsi così interessanti, perché crescono col bambino, ampliando sempre più la sua capacità di comprensione e comparazione.
Vi ho parlato qui del bellissimo corso Montessori che sto seguendo e vorrei quindi condividere i miei appunti e le mie osservazioni su questo strumento.

Il gioco si articola e acquista maggiore complessità man mano che il bambino riesce a penetrarne le profondità ed i misteri: il materiale è composto da una serie di 4 incastri, che presentano caratteristiche simili e differenti.



Come si usano gli incastri? 
Fino ai tre anni possiamo presentare il primo blocco di incastri (quello in basso a destra), che propone una misura dal grande al piccolo. 

Io l'ho tirato fuori [con grande emozione] e in silenzio l'ho portato davanti alla piccola, sul pavimento, in uno spazio ampio ed ordinato, senza altri giochi in giro, e sempre in silenzio, l'ho smontato e ricomposto
Poi le ho lasciato un tempo di esplorazione libera e, il giorno dopo, quando ormai era molto abile nel farlo le ho isolato il più grande ed il più piccolo, nominandoglieli.

Seguendo la lezione dei tre tempi:
  1. Metto in evidenza due cose e queste due cose hanno delle qualità ben definite, quindi devo dare il loro nome esatto. (Ad esempio, in questo caso, le ho mostrato il più grande e poi il più piccolo).
  2. Gli chiedo di porgermi questo e poi quello. (Ad es. le ho chiesto di darmi il grande e poi il piccolo).
  3. Gli chiedo cos'è uno e cos'è l'altro, in modo tale che possa darmi lei stessa il nome esatto. (Ad es. come si chiama questo? e questo?).
La seconda serie di incastri che presento sono quelli che vanno dal più fine al più grosso (nell'immagine in alto a sinistra). 
Una volta che li conosce entrambi li può usare insieme, mescolando i pomelli.

Dopo un tempo inserisco la terza serie, dal più basso al più alto (nell'immagine in basso a sinistra): nel presentarglieli posso chiudere gli occhi e inserire il dito nel foro, e sentire con i sensi (sempre fondamentali) le differenze che sto sottolineando.
Dopo che ne conosce tre li può usare tutti e tre, disponendoli a triangolo.

A quel punto posso inserire la quarta serie, che è inversamente proporzionale: il più largo è il più basso ed il più stretto è il più lungo. Quando li isolo ho molte cose da dire: largo e basso, fine e alto...

Ogni serie viene presentata isolata dagli altri ed eseguendo dopo un tempo di libera esplorazione la lezione dei tre tempi. Dopo che il bimbo conosce un blocco posso affiancarlo agli altri che conosce.

Non devo avere fretta, i bambini hanno il loro tempo che non è nostro. Non devo correggere l'errore, il materiale è fatto in modo che c'è la verifica automatica dell'errore: sono i materiali che insegnano
Sono oggetti che rappresentano dei concetti attraverso le loro qualità fisiche, che aiutano il bambino a cogliere le differenze e a classificarle. E soprattutto: attraverso i materiali il bambino impara divertendosi.

Dopo che li conosce tutti e quattro li porta sul tavolo mettendoli a forma di quadrato. E quando gli incastri sono stati tutti estratti e sono al centro del quadrato posso proporgli di cercare i gemelli: ci sono 4 coppie uguali. Quando li trova li lego insieme con un nastrino rosso.


Questo è quanto ho appreso su questo primo meraviglioso strumento di conoscenza ideato da Maria Montessori; poi, naturalmente, secondo me è anche molto importante restare in ascolto; ad esempio Lucia Eva gioca a formare delle famiglie e a coccolare il piccolino, con una sua personalissima proiezione interiore di valori ;) 
Sono le sue prime costellazioni familiari, che io osservo con attenzione, perché so che mi rivelano sempre moltissimo sul suo mondo interiore.


6 commenti:

  1. Sono incantata
    Posso venire a giocare con voi?

    RispondiElimina
  2. Ciao, posso chiederti dove si acquistano questi giochi?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, io li ho presi in line qui
      http://www.montessori-material.de/it/
      Hanno dei costi abbastanza ridotti rispetto ad altri, ma la qualità su alcuni prodotti non è eccellente.
      Comunque gli incastri sono fatti bene :)

      Elimina
  3. CIao Isa. Bellissimo, grazie della condivisione. QUindi con il mio cucciolo di 10 mesi intanto posso prendere solo il primo inbasso a destra? o suggerisci di prenderli tutti? C'è un libro montessori in particolare che spiega come usarli? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samanta,
      dove li ho acquistati io li vendono tutti e 4 insieme, altrove so che si possono prendere anche separati...
      Sul libro non so dirti, provo ad informarmi e ti faccio sapere!

      Elimina

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...