mercoledì 16 ottobre 2013

una grande Matrioska


Volevo scrivere di tutt'altro, ma sono due giorni che vedo tutto a Matrioska: una grande Matrioska, che contiene vari livelli di esistenza, passato, presente e futuro, piccoli e grandi eventi, che risuonano fra loro e si intrecciano, come a formare il tappeto della vita, con i suoi disegni, nodi e percorsi.

E in questa specie di videogames esistenziale tutto ciò che accade ha il suo perché ed il suo giusto tempo. Vi assicuro che questa per me è una liberazione, perché mi svincola dal bisogno di esprimere ansia per le cose.


Ad esempio: imparare a soffiarsi il naso! Allora, sono mesi che ci provo, che mi affanno nel capire come devo fare ad insegnare alla Fagottona a soffiarsi il naso. Ogni volta che le viene il raffreddore è uno strazio, aspirarle il nasino con il Narinhel ora che sta crescendo è diventata una vera e propria tortura per entrambe. Poi lei, povera stella, cerca anche di collaborare, ma non può fare a meno di sottrarsi, piangere, a volte gridare e comunque, sempre, incavolarsi.

Ed io erano mesi che insistevo, andando a sbattere ogni volta contro un muro, nel cercare un modo...

Alla fine mi sono arresa e ho rinunciato, mi sono accorta che stavo seguendo un percorso sbagliato, che finché io sommavo quegli elementi (gli unici in mio possesso) nella speranza di ottenere il risultato sperato, non ci sarei mai riuscita, perché 1 + 1 = 2 e non ci sono storie!

Arrendermi mi ha liberato e mi ha mostrato me stessa, ed arrendermi ha liberato anche mia figlia da una madre fissata, che non le lasciava il tempo di essere se stessa.
Allora un pomeriggio lei ha preso un pacchetto di fazzoletti, l'ha aperto, e mi ha detto "mamma, adesso mi soffio il naso" e... l'ha fatto!!!
L'ha fatto a modo suo, senza che uscisse una sola gocciolina di catarro, ok, ma l'ha fatto, bisognava solo aumentare un po' l'intensità. E sono certa che con la pratica e con i prossimi raffreddori potrà continuare ad esprimersi liberamente e ad imparare a soffiarsi il naso.

4 commenti:

  1. ci stiamo provando anche noi..ma che difficile, essi che mattia ha quasi tre anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii!!!! Lo so, e sai che ti capisco moolto bene! Ma poi mi dico: tutti, ma proprio tutti sanno farlo e quindi devo avere fiducia ;)

      Elimina
  2. Ciao Isa! Noi con entrambi i pargoli abbiamo fatto un giochino per fargli soffiare col naso. Fai una piccola pallina di carta (tipo tovagliolo monovelo o kleenex) e la appoggi al tavolo, poi giochi a chi riesce a spostarla di più tappandosi una narice e soffiando l'aria dall'altra (ovviamente ci vuole pazienza e pratica, interrompendo quando arriva un po' di frustrazione se non riesce... ma il risultato c'è, noi abbiamo un due su due!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo gioco: grazie! Ci proveremo oggi stesso :)

      Elimina

i tuoi commenti danno senso al mio blog, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...