mercoledì 12 ottobre 2016

... dall'aspettativa all'attesa

Ricomincio da qui, da un pensiero di getto, che non voglio nemmeno a stare troppo a "comporre", ma che voglio segnarmi, perché è solo ciò che emerge dalla superficie dell'acqua che salta agli occhi.

Nella mia vita in questo momento c'è spazio, il tempo dell'essere mamma con tutta me stessa è già passato, sempre di più mi rendo conto che la vita che ho dato alla luce è altro da me, che ha una dimensione propria, che sempre più va verso una forma di autonomia, e che un giorno aprirò gli occhi e lei mi chiederà le chiavi di casa, ritarderà sull'orario concordato e sbufferà quando tenterò di sgridarla.

Certo, lo so, adesso ha appena 6 anni (anzi, nemmeno ancora compiuti) ma sempre più mi è chiaro che la direzione è quella, e che io posso e devo cercare una dimensione mia, che vada a riequilibrare questa nostra relazione.

Ora, l'osservazione è questa: nel cercare questa mia nuova personalissima dimensione, mi sono accorta a un certo punto che stavo vivendo in uno stato di perenne aspettativa, in cui mancava totalmente la disponibilità a cogliere le cose, perché tutto ciò che vivevo era intriso di una proiezione immaginativa, che non lasciava spazio all'ascolto; e quindi mi sono chiesta uno spostamento, dall'aspettativa all'attesa.

Sembra un gioco di parole, ma non lo è, è proprio uno stato interiore diverso: nell'attesa c'è osservazione, c'è spazio per comprendere e per imparare da ciò che si vede. Non è che nell'attesa manchino le ansie, o i facili scivoloni verso l'aspettativa, ma anche quelli diventano, con il richiamo all'attesa, una fonte di osservazione, da cui ripartire per capire, per capirsi, per rilanciare, per imparare dagli errori.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...